Le Dieci Regole Dell’Eccellenza

settembre 12th, 2016 § 0 comments

10-regole-eccellenza“L’ eccellenza non è un atto ma un’abitudine” Aristotele

L’eccellenza come molti dei valori che ci rendono migliori è una via da percorrere. Come ci indica anche Aristotele nel suo aforisma, essere eccellenti non si definisce da un solo gesto ma dalle nostre abitudini.

Le abitudini come eccellenza

Eccellenza è una parola raffinata che richiede per forza la qualità e ci costringe a cogliere quella parte migliore di noi.

Rileggiamo l’aforisma completo di Aristotele e prendiamolo come punto di partenza:

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l’eccellenza non è un’atto, ma un’abitudine.

Come vedi, già nella prima parte troviamo l’indicazione verso questo valore.

Noi siamo quelle che facciamo ripetutamente.

Fin dall’inizio Aristotele ci mette davanti ad un percorso, fare ripetutamente qualcosa ci identifica sia a noi stessi che agli altri. Qui la scelta tocca a noi, scegliamo di fare qualcosa di mediocre e di poco valore o scegliamo di fare qualcosa di qualità dal valore crescente? Per quanto ti possa sembrare scontata la risposta, basta guardasi intorno per vedere che molti scelgono, anche se inconsciamente, la via della mediocrità.

L’eccellenza non è un atto, ma un’abitudine.

La seconda parte, ci indica invece la scelta giusta da fare, l’eccellenza. E la via da percorre diventa non un solo gesto, un momento unico e irripetibile ma addirittura un’abitudine. L’eccellenza, la qualità, il meglio di noi stessi diventano uno stile di vita. Possiamo rileggere e interpretare così l’aforisma;

Eccellere, superarsi in qualità. Inizia a fare qualcosa di buono, qualcosa in cui tu per primo credi.

Il tuo viaggio di formazione e di realizzazione personale non può prescindere dall’eccellere. Quali sono le tue qualità? quali talenti e quali abilità ti contraddistinguono? Mettili in campo, sfrutta te stesso fino a superarti ogni giorno dando il meglio di te.

Le dieci regole dell’eccellenza

Aristotele ci ha detto che esiste una via. Ma non abbiamo ancora trovato nè dove sia l’inizio né una indicazione di dove ci conduce. Personalmente posso dirti che l’inizo è comune a tutti, ma l’arrivo è diverso per ognuno di noi.

Perché? Perché ognuno di noi ha i suoi talenti e le sue abilità, perché ognuno di noi troverà risposte diverse lungo la via. E vediamo insieme quale sia l’inizio di questa Via dell’eccellenza e le dieci regole per percorrerla con saggezza:

#1 Conosci te stesso. Come ho scritto mille altre volte, in ogni viaggio di conoscenza il punto di partenza siamo noi. Inizia conoscendoti come persona, chi sei cosa hai fatto, quali sono i tuoi desideri, le tue paure e i tuoi difetti, le ambizioni che hai e le qualità che possiedi. Inizia a mettere nero su bianco dove sei e dove vorresti arrivare. Conoscersi è un lavoro tosto che richiede tempo.

#2 Metti a fuoco la meta. Dal quadro completo, inizia a estrarre i tuoi sogni, desideri e ambizioni. L’eccellenza come dicevo richiede la qualità e in questo passaggio la qualità si mostra dai limiti che ti poni, quanto sei capace di sognare in grande?

#3 Pianifica il percorso. Ecco cosa ci differenzia l’uno dall’altro, il percorso. Siamo noi stessi che diamo un indirizzo alla nostra vita nel momento che pianifichiamo il viaggio. La pianificazione è la tua abitudine vincente, certo lungo la via non tutto sarà esattamente come lo hai messo nero su bianco ma un buon piano ti aiuta a reggere gli urti della vita e non perdere di vista l’obiettivo.

#4 Entra ini azione. Questo è ancora un punto che hanno in comune le persone eccellenti, sanno agire. L’azione è l’unico modo per sapere se l’idea che hanno elaborato sia valida, l’azione porta risposte e nuove domande, l’azione permette di sfruttare al meglio tutte le tue qualità.

#5 La misura delle cose. Può sembrarti una frase criptica, ma non lo è. L’eccellenza al contrario della perfezione oltre alla qualità ammette il fallimento come strumento di crescita. Ed è proprio attraverso la comprensione di cosa si sbaglia, di cosa ha funzionato e non ha funzionato nel verso giusto che puoi avere la misura del tuo miglioramento. Quando la sera o la mattina prima di iniziare la giornata rivedi i tuoi obiettivi quotidiani, saprai sempre dove andare a fare quelle piccole correzioni o quali abilità sfruttare per fare il giusto passo in avanti.

#6 L’eccellenza è energia positiva. Come diceva Ralph Waldo Emerson:

Nulla di grande è stato fatto senza entusiasmo.

Vuoi percorrere la via dell’eccellenza? devi essere entusiasta dell’opportunità che ti è stata data, devi essere felice di poter dare una svolta alla tua vita e di poter migliorare te stesso. Per tutto questo ci vuole energia, ci vuole una visione positiva delle cose, ci vuole forza, detrminazione e coraggio. Ci vuole tutto te stesso.

#7 Condividi. Come ti decevo qualche riga più su, ci identifichiamo sia con noi che con gli altri per ciò che facciamo. Se l’eccellenza è migliorarsi un passo alla volta, per le persone che contano per noi significa vederci crescere. Condividi quindi i tuoi risultati, i tuoi desideri e anche le necessità. Non puoi fare tutto da solo e poi perché dovresti? Il piacere e la soddisfazione più grande è condividere la vita con chi amiamo.

#8 Chiedi aiuto. Sai può sembrarti un segno di debolezza, ma non è così. Avere un grande obiettivo e comprendere che da solo non puoi realizzarlo è segno sia di umiltà sia di competenza. Come nel punto sette, il tuo sogno può essere condiviso e puoi trovare lungo la via persone che possono percorrerne un tratto insieme a te, perché tu puoi aiutare loro e loro insegnare a te nuove competenze. La perfezione può essere unica e può essere vissuta in solitudine, l’eccellenza può essere condivisa senza perderne l’efficacia.

#9 Diventa più forte. Sin dall’inizio hai davanti a te tutto il percorso e quando pianifichi non lo fai peché devi evitare gli ostacoli e i fallimenti, pianifichi perché devi sapere riconoscere il momento in cui li incontrerai, e durante la via dovrai prepararti ad affrontarli. Sai che dovrai diventare abbastanza forte da superarli. gli ostacoli, le delusioni gli errori servono per forgiarti e renderti sempre più forte.

#10 Raggiungi la meta. Ecco una qualità delle persone eccellenti, sanno esattamente quando hanno raggiunto i loro obiettivi. Non è l’obiettivo che li rende eccellenti ma le abitudini che hanno li rendono consapevoli di chi sono e cosa sono diventati. E’ bello avere dei sogni, ma è fantastico realizzarli. Se vuoi eccellere nella tua vita porta a termine i tuoi obiettivi.

Sii testimone del tuo successo

E’ inevitabile pensare che le persone di successo siano persone eccellenti. Tu stesso se segui queste dieci regole puoi essere il tesotimone del tuo successo. Non sarà il caso, la fortuna o un momento di gloria effimera. Il tuo successo sarà la conseguenza di una scelta iniziale, la conoscenza di te stesso, la pianificazione  e la trasformazione in abitudini quotidiane di ogni azione che ti avvicinerà ad essere la persona che desideri diventare.

 

Image courtesy of Stuart Miles at FreeDigitalPhotos.net

 

P.S. Hai scaricato l’ebook LiberaMente?

banner-liberamente-min

Related Posts with Thumbnails
mi trovi su

Roberto

Blogging, Networking e Arti Marziali. Sono le passioni che coltivo che mi aiutano a migliorare e percorrere la Via della Crescita Personale.
mi trovi su

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dove ti trovi?

Stai leggendo il post Le Dieci Regole Dell’Eccellenza su LeBuoneAbitudini.

meta