Senso Del Dovere. Come Liberarsene E Vivere Felici.

aprile 21st, 2010 § 8 comments

Una lista immancabile nelle nostre giornate è quella dei doveri. Se solo provi ad ascoltarti quando parli con qualcuno è quanti doveri hai. “devo fare una telefonata”, “devo andare al lavoro”, “devo preparare la cena o il pranzo”, “devo andare a prendere mio figlio a scuola”, “devo dimagrire” devo devo devo…all’infinito.  Guidato da un falso senso del dovere, programmi e vivi le giornate con l’ansia di dover portare a termine un ordine del giorno rigido e immutabile.

Il dovere è un comando. Ti ingabbi emotivamente in un a serie di comandi  a cui non puoi rifiutarti di obbedire, creando dei limiti a cui devi rendere conto. E’ Il senso del dovere che gestisce la tua vita.

Come puoi uscirne fuori e riappropriarti del tuo potere decisionale?

Sostituendo il dovere con il volere. Volere qualcosa implica una scelta, parte da te e ti dà la possibilità di scegliere quale è la cosa migliore da fare.

Se torni a rileggere la lista dei doveri che ho scritto sopra e sostituisci i verbi vedrai che assumeranno un valore diverso e la sensazione che provi è di poter fare una scelta su cosa è veramente importante durante la giornata.

Potere scegliere, aiuta a formarti uno schema mentale in grado saper gestire la giornata secondo i tuoi ritmi e con flessibilità, sviluppando la capacità di prendere delle decisioni e se non riesci a portare a termine un compito non ti colpevolizzi perchè non sei stato in grado di fare qualcosa, ma sai che è stata una tua scelta.

Gestire la vita inizia con un atto di volontà. Essere disposti a rivedere le priorità secondo volontà e non per dovere è il primo passo per liberarsi da limiti e ansie, abbassa i livelli di stress dovuti ad una falsa sensazione di non poter controllare gli eventi che non  permettono di vivere sereni e felici.

Image: ‘Point!

Related Posts with Thumbnails
mi trovi su

Roberto

Blogging, Networking e Arti Marziali. Sono le passioni che coltivo che mi aiutano a migliorare e percorrere la Via della Crescita Personale.
mi trovi su

§ 8 Responses to Senso Del Dovere. Come Liberarsene E Vivere Felici."

  • Paola scrive:

    Ciao Roberto, ottimo focus!
    Quando mi sono resa conto del potere di questo modo di pensare il mio atteggiamento è cambiato in modo molto vantaggioso. Da allora l’ho assimilato abbastanza profondamente: ero appena adolescente, potrei dire che “ci sono cresciuta dentro”.
    A volte è difficile da comprendere per chi ci sta intorno. Ho avuto occasione di battagliare molto accesamente per difendere questo pensiero! Tuttavia credo che l’importante sia farlo proprio e poi tutt’al più riflettere sulle differenze rispetto alla “logica (ed etica) del dovere”. Per alcuni credo che sia veramente più utile pensare in quei termini, al punto da far loro rifiutare un pensiero di libertà e di potere. E’ bene confrontare le reciproche opinioni, ma credo di aver fatto una mossa falsa in alcuni casi in cui ho tentato di convincere l’interlocutore ad adottare la stessa prospettiva.
    Che sarà mai questo “oggetto oscuro” chiamato “dovere”? Io continuo la mia indagine… magari ti terrò aggiornato;-) Intanto mi appunto questo tuo post, perché mi pare che aiuti a chiarire il punto chiave della questione.
    Ciao, buon proseguimento!

  • Roberto scrive:

    Ciao Paola. Hai centrato il cuore del post, il dovere ti libera dal pensare. E’ logico che alcuni rifiutino la volontà che implica delle scelte e delle responsabilità. Il dovere permette di giustificarsi e adagiarsi con la scusa di dirsi “dovevo farlo”. Le due parole che hai citato mal si legano con il dovere, prova a dire devo essere libero o devo poterare :-) ma si accompagnano con il volere, che genera desideri e sogni.
    Ciao :-)

  • MrPatol scrive:

    E cosí basterebbe sostituire il Senso del Dovere con il Senso del Volere?
    Non sarei proprio d’accordo, sarebbe l’inizio dell’anarchia, dello sfascio dei doveri sociali che sempre meno fanno parte della nostra vita. É vero mi sento addosso un forte Senso del Dovere, ma ho imparato a gestirlo piu che a cammuffarlo d’altro. Ogni Senso del dovere é un mattone della casa della propria vita , ci limita ma ci da protezione. Una casa non é fatta solo di mattoni, ma anche di finestre, dove ognuno ha il proprio modo di sfuggire temporaneamente ai propri Sensi del dovere. Il segreto é saper guardar fuori dalla finestra e fugggire temporaneamente

  • Roberto scrive:

    Ciao Lorenzo,
    scusa se ti rispondo in ritardo. E’ giusto quello che dici, il senso del dovere va riconosciuto per il suo valore e gestito. Come vedi siamo d’accordo quello che va evitato è dover fare qualcosa e sentirlo solo come una imposizione, come qualcosa di esterno e estraneo ai nostri valori in definitiva un falso senso del dovere. Un forte Senso del Dovere con le maiuscole è preceduto da un riconoscimento in certi Valori quindo dalla volontà di realizzarlo. Come vedi non è un sostituire ma riconoscere e rafforzare con la volontà un atto in cui già noi crediamo.
    Grazie :-)

  • Lucia scrive:

    Tutto sta nel comprendere perchè ci imponiamo di raggiungere un determinato obiettivo, a mio parere

    Forse sarebbe utile prima capire quali azioni sono realmente positive al fine di realizzare il proprio benessere e quali no

    Ma fino a che non si ha una chiara visione di quali sono le nostre reali esigenze dubito che la completa eliminazione del “senso del dovere” ci porti un reale giovamento

    Sicuramente, prima di imporsi degli obblighi, ritengo sano sperimentare quanto più si può senza lasciarsi condizionare

    Ma il condizionamento sta alla base di molti problemi non solo relazionali ma anche con noi stessi, questo per come la vedo io e, tra l altro, è anche molto difficile de- condizionarsi

  • Roberto scrive:

    Ciao Lucia e benvenuta :-)

    Liberare la mente dal dovere, dall’obbligo, questo si può fare solo prendendoci le nostre responsabilità. E’ il primo passo per fare chiarezza. Come ho detto già a Lorenzo (MrPatol) Quando siamo liberi di esercitare la volontà rafforziamo anche il senso del dovere inteso come valore. E anche tu citi una parola che difficilmente si accompagna al dovere, sperimentare. Anche sperimentare è un atto di volontà.

  • Vincenzo scrive:

    Io credo che la cosa sia inapplicabile in termini pratici e poco utile.
    Scambiare dovere con volere non basta, per prima cosa occorre conoscersi a fondo e capire quello che veramente si vuole.
    Una volta fatto questo è ininfluente scambiare i due termini.
    Se quindi passo ad essere consapevole di non “volere” qualcosa ma è comunque mio “dovere” farla, allora va fatta, punto.
    Scambiare dovere con volere è un iter fatto al contrario che non porta a nulla.
    Identificate invece il vostro essere profondo e quindi il vostro volere.
    A quel punto il “dovere” sarà qualcosa che farete con la “consapevolezza” che va fatto, pur non essendo una vostra precisa volontà il farlo.
    Così facendo vi de-istituzionalizzerete guadagando in libetà individuale.
    Sono stato troppo complicato?

  • Roberto scrive:

    Ciao Vincenzo, grazie per il tuo commento.
    nel post ho voluto mettere l’accento su come usiamo il dovere. Come hai letto dalle frasi in apertura molte delle azioni quotidiane le viviamo come doveri. Sentendoci in “dovere” di fare qualcosa rinunciamo ad esercitare la volontà. E nel limitare la volontà è come se ci togliessimo dello spazio vitale. Sono d’accordo quando dici che scambiare dovere con volere non basta è necessario scegliere e ancora ti seguo :-) quando dici di identificare l’essere più profondo, qui di nuovo torniamo ad esercitare la volontà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dove ti trovi?

Stai leggendo il post Senso Del Dovere. Come Liberarsene E Vivere Felici. su LeBuoneAbitudini.

meta